Street food o cibo di vita?


Streetfoodocibodivita-chefadomicilioInauguriamo “Il Sabato della Rassegna Stampa” di WellFoodNess perdendoci nei vicoli dello street food del mondo. Se ne parla da tempo, se ne parla da sempre perché è il cibo che abbiamo gustato tutte le volte che non ci siamo seduti a tavola. Sul mensile cartaceo Amica (mi ritengo libera poter citare fonti pur non essendo quest’ultime sponsor WellFoodNess: l’informazione è un diritto che si può scegliere di esercitare anche senza retribuzione) il valore aggiunto dell’articolo è dato dalle belle immagini del fotografo brasiliano Sergio Coimbra che ‘trasforma il cibo in opera d’arte’. E dunque, lo street food acquista valore nell’immagine o è esso stesso immagine di un patrimonio dell’umanità? E’ cibo fast or slow? La Cina ‘ha già chiesto all’Unesco di proteggere il suo cibo da strada come patrimonio dell’umanità”. E noi, cosa potremmo farci con i nostri panzerotti e arancini, panelle e sfincioni? Il museo migliore è en plein air perché il cibo si fondi con la vita e la celebri. Ed ecco gli acarajè afro-brasiliani(àkàrà=palla di fuoco, je=mangiare)cibo in onore delle divinità dei venti come offerta propiziatoria. O il gateau piment (visto in La Cucina Italiana) della cucina mauriziana e rivisitato dall’India nella proposta con il Garam Masala, miscela di spezie che facilitano la digestione. In Grecia lo street food si fa mezé, stuzzicanti ricette che possono ricordare i cicheti veneziani, apri cena dei quali per assaporarne appieno l’atmosfera e la vera magia bisogna esagerare, mangiarne molti e bere molto”.

All’inizio c’era solo street food, cibo da prendere in mano, da assaporare viaggiando. A tavola abbiamo optato per una forma di condivisione più complessa. E oggi un nuovo desiderio di vivere il cibo nel tempo e nel luogo.Biglie di Zucchine Menta e Pistacchi

WellFoodness ha provato per voi le sue biglie di zucchine, menta e pistacchi! Inventiamo il nostro street food: aspettiamo le vostre ricette.

 

Tag:,

Comments & Responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


3 + = quattro